Thursday, 3 May 2018

Pronto

È tutto pronto per partire a Roma. I biglietti sono tutti in ordine;  documenti pure. Porto con me tre libri da leggere. La valigia è fatta: la fotocamera è dentro, le batterie sono tutte cariche, le memory card svuotate, il cappello per Belial c’è, i vestiti bastano e sono adattabili a qualsiasi clima, tutti i caricabatterie vari ed eventuali sono messi, ho anche infilato lo zaino vuoto per potermi destreggiare meglio sabato, il giorno dello shooting, e domenica, che passerò tutta in giro.
Oh, giusto: tutte le persone coinvolte hanno confermato.

Ovviamente io sono un fascio di nervi.

Un piccolo fuori programma è che sabato sarò io a scendere a Napoli per scattare, e non il modello a raggiungermi a Roma. Lavora, farebbe troppo tardi ad andare e tornare, ma nessun problema: ho fatto i biglietti per l’andata, il ritorno lo vedrò quando finiamo, mi sono premunito bene per spostarmi in città e tutto dovrebbe andare per il verso giusto.
Naturalmente, per sondare il terreno ed essere sicuro, ma proprio sicuro (entro i limiti del plausibile) che non mi tiri bidone, ho sondato il terreno discutendo delle previsioni meteo per sabato Napoli – dovrebbe essere leggermente velato, non troppo caldo, e non dovrebbe piovere – così da avere l’ennesima conferma e ricordargli anche giorni e orari in caso sia distratto.
È un ragazzo che conosco da diversi anni ed è assolutamente coccolo, ma ciò non mi fa comunque rilassare: non che non mi fidi di lui nello specifico, ma è un essere umano, ‘nough said.

Al momento, l’idea sarebbe chiamare Katia su Skype, fare due chiacchiere (non ho testa per guardare qualcosa), salutarla ché nei prossimi due giorni ci sentiremo solo via messaggio, e ricordare che, alla fine delle fatiche, mi aspetta una giornata bonus in sua compagnia: cosa c’è di meglio?
Di meglio ci sarebbe non essere paranoici, ecco cosa.

Il Carro significa che le cose andranno a buon fine. L’Eremita significa che, con rischi indicibili e traversie innumerevoli, supererò la strada per raggiungere il castello oltre a città dei Goblin. L’Imperatore e la Giustizia capovolti sono lì solo per ricordarmi che, per quanto le cose sembrino insormontabili, gli ostacoli sono tutti nella mia mente.

Respiro profondo.

Sono pronto.

No comments:

Post a Comment